Come scoprire se sta mentendo

Mentire, dire bugie, nascondere, raccontare il falso. E quindi bugiarda, bugiardo, impostore, fedifrago, ipocrita e falso. Quante volte nella vita abbiamo avuto a che fare, e quotidianamente abbiamo a che fare con queste dinamiche, che pure sono normalissime, rientrano nel pieno delle attività umane, un po’ per autodifesa, un po’ per vivere meglio. La bugia delle bugie è il tradimento, il doppio gioco, ma qui parliamo della vita di tutti i giorni. Certi segnali, appartenenti alla sfera del linguaggio del corpo, sono molto più rivelatori di quanto pensiamo. E anche alcuni comportamenti, inducono senza timor di essere smentiti, a ritenere che chi abbiamo di fronte sta mentendo. Ecco una lista dei più interessanti.

1) La persona che mente evita il contatto con gli occhi. Chi mente teme di finire sotto una lente indagatrice, uno sguardo che scruta, e il solo pensiero di essere fissati, anche per una semplice interazione, fa scattare dei meccanismi di controllo ben determinati. Il truffatore in gamba sa che ciò succede e quasi sempre ha imparato a guardare dritto negli occhi il proprio interlocutore, proprio per non farsi scoprire. Ma la gente normale, nella media, evitare un contatto visivo diretto.

2) I bugiardi usano delle formule di negazione molto nette, esagerate, che tendono a escludere le sfumature, che invece capitano in ogni vicenda. Se accusate il vostro compagno di avervi tradito con un’altra donna, negherà di conoscerla, anziché dire una verità a metà, che cioè l’ha conosciuta e basta. I bugiardi e le bugiarde tendono a poi a cadere in uno schema facilmente riconoscibile. Dal momento che temono di essere scoperti, dopo aver cercato di mandare a vuoto la vostra accusa, vi chiederanno: “chi te l’ha detto?”, “se sai tutto tu cosa vuoi?” – sono formule di autodifesa generata dalla paura di non farla franca, nel prossimo futuro.

3) Il linguaggio del corpo è importante. Il 70% della comunicazione, dicono gli specialisti, è non verbale. Affidiamo ai nostri movimenti molti dei pensieri reconditi e delle nostre intenzioni. Spesso il tono di voce di un bugiardo cambia, mentre recita la sua parte. Alcune ragazze tendono ad arrossire o toccarsi nervosamente in viso, per paura di essere scrutate. Altri giocano con degli oggetti che hanno nelle mani e naturalmente alcuni sudano o sbiadiscono.

4) Le bugiarde e i bugiardi compiono sempre un grosso errore, che dev’essere considerato come il più importante segnale di una bugia in atto: aggiungono troppi dettagli e troppe informazioni alla storia di copertura. Nella mia personale esperienza, una ragazza era arrivata a dire che il locale dove andava a cena (di proprietà dell’ex non troppo ex) era stato di proprietà della sua famiglia, che poi l’aveva rivenduto a una signora, che l’aveva venduto al suo ex. Per cui era perfettamente normale che lei fosse lì, il venerdì sera. In generale i bugiardi elaborano le storie, nella speranza di rendere più credibili.

5) Il bugiardo assume sempre un comportamento difensivo. Saranno sempre i primi a fare una mossa, durante una lite, perché vi chiederanno come mai non credete alle loro parole. Vi diranno di andare via, dato che ci credete, che la fiducia è importante e che se non hanno la vostra fiducia è meglio che ve ne andiate. In genere i bugiardi chiedono alla controparte, di risolvere loro i problemi, andandosene e facendo finta di nulla. Quando poi la discussione verte sul tema, essi spesso preferiscono cambiare discorso, dando poca importanza alla bugia.

6) Sempre nel campo dei dettagli, mentre si tenta di scoprire la bugia, la bugiarda o il bugiardo vanno a prendere come esempio i dettagli sbagliati, li esagerano, si focalizzano, in sostanza, sulle questioni meno importanti. E’ qui che in genere casca l’asino: il bugiardo si tradisce perché spesso non ricorda di aver fornito questi dettagli esagerati, per cui è facile scoprirlo in contraddizione.

7) Chi sta ricordando un fatto spesso quasi sempre muove le pupille in alto e verso sinistra (per chi è destro) e nella direzione opposta se mancino. Spesso un eccessivo sbattere delle palpebre, rapido, è il segnale che sta iniziando una bugia. Un movimento automatico delle mani verso il viso e gli occhi, come a coprirsi, è un segnale abbastanza valido di una bugia in corso. Sempre che ovviamente il malcapitato non abbia una scheggia conficcata nella cornea…

8) Quando pensiamo di poter immediatamente riconoscere un bugiardo, nella nostra esperienza quotidiana, dipende dal fatto che i nostri occhi percepiscono delle improvvise mutazioni nelle espressioni del viso di chi abbiamo di fronte. E’ come se cambiasse di colpo, ma con rapidi passaggi, seguendo magari il flusso della nostra conversazione. Inizia con un sorriso appena accennato e si passa a uno sguardo preoccupato, a una bocca che si chiude, un sorriso che sparisce, senza alcun reale motivo.

9) Il sudore è quasi sempre rivelatore di uno stato di panico. Chi non si aspetta di essere scoperto o si trova in difficoltà, spesso suda in abbondanza, soprattutto sulla fronte e nelle mani. Un tremore nelle mani e diventare pallidi sono sintomi di un momentaneo cedimento. Ovviamente è consigliato accertarsi che si tratti di un bugiardo e non di uno che sta per avere un infarto.

10) Il modo in cui si può scoprire facilmente un bugiardo è di farlo cadere in contraddizione. La bugiarda non amerà sentirsi ripetere le stesse cose, le stesse bugie da lei raccontate, perché sa benissimo che sono false e si sente a disagio. Un modo c’è quindi: farle ripetere la storia raccontata da lei stessa, per mettere a punto i fatti e confrontare con le versioni precedenti. Ma non preoccupatevi: il bugiardo troverà un ottimo motivo per andare avanti e dirvi che non è importante, e che se vi fidate è bene, altrimenti arrivederci a tutti.

Poi sta a noi se rimanere a quella versione, perdonare, andare avanti. Ovviamente basterà anche osservare i comportamenti, soprattutto analizzare le incongruenze. Una persona che dice di telefonare poco, che improvvisamente è sempre al telefono, dovrebbe farvi capire come stanno le cose. La prossima volta che pensate di aver a che fare con un bugiardo, mettete in pratica quanto letto qui sopra.

Commenta