Quali sono le possibilità ci sono di un impatto meteorico?

Lo abbiamo visto spesso rappresentato al cinema: l’impatto meteorico che distrugge tutto e mette in crisi l’esistenza stessa del pianeta e della vita. Film come Meteor, Armageddon e Deep Impact hanno segnato una stagione della fantascienza o più che altro dei disaster movie. Ma quali sono le reali possibilità che un meteorite colpisca il nostro pianeta?

Anzitutto va fatta una premessa: gli impatti meteorici hanno rappresentato una gran parte della nostra storia. Gli scienziati da anni sono impegnati a scrivere la storia del nostro pianeta, e hanno già messo in evidenza il fatto che nel passato la Terra è stata presa di mira da corpi celesti in un periodo che è stato chiamato di Intenso Bombardamento Tardivo.

Cosa è stato l’Intenso Bombardamento Tardivo?
Si tratta di un periodo appena successivo alla formazione del sistema solare, parliamo comunque di un una finestra temporale di 300 milioni di anni, nei quali i pianeti interni appena formati sono stati bombardati da una gran numero di meteore e comete, asteroidi e bolidi. La prova principale è nella Luna, la quale ha assunto i connotati che oggi conosciamo, i grandi crateri più antichi, detti “mari”; sono stati raccolti reperti antichissimi che provano questo sciame meteorico intenso. La causa del bombardamento sarebbe dovuta alla sistemazione della orbita dei grandi pianeti gassosi, come Giove e Saturno, che hanno contribuito con la loro presenza a ripulire la fascia esterna del sistema solare, prevenendo i successivi impatti.

Giove quindi è un grande equilibratore dell’intero sistema e come abbiamo potuto osservare in diretta, nel 1994, è in grado di attirare a sé anche corpi celesti di una certa grandezza, come le comete, impedendo che incrocino le orbite dei pianeti interni e quindi della Terra. Il nostro pianeta comunque continua da miliardi di anni a ripulire la sua orbita, ma ogni tanto viene centrato da corpi più significativi come nel caso della meteora in Russia, di qualche anno fa.

Le possibilità però che un impatto meteorico di minor entità, come quello di una meteora, cada è uccida una persona sulla Terra sono assai ridotte. Il caso registrato in India all’inizio dell’anno sembrerebbe non confermato. Ad ogni buon conto basta dare un’occhiata alla superficie della Terra per capire come mai la statistica è così premiante, nei nostri confronti. Il mare occupa gran parte del pianeta, ci sono deserti e aree ghiacciate molto estese, e zone inospitali come l’interno dell’Australia, il Gobi e la Siberia, sostanzialmente disabitate. Inoltre gran parte della popolazione si concentra nelle coste, in grandi aree urbane.

Tuttavia, la Nasa e le varie agenzie spaziali internazionali hanno un programma di scansione del cielo e identificazione dei corpi celesti. Esse hanno un vasto database di asteroidi che vengono monitorati quotidianamente, per calcolare l’orbita e verificare il periodo di massimo avvicinamento al nostro pianeta. Le possibilità di essere colpiti direttamente sono poche, praticamente maggiori quelle di essere colpiti da un detrito proveniente da qualche vecchio satellite artificiale, però ci saranno sempre impatti di una certa rilevanza, che possono provocare anche danni ingenti. In quanto all’evento potenzialmente catastrofico va sempre messo in conto, sperando di poterlo prevedere e agire di conseguenza.

Commenta