le pietre preziose

Pietre preziose: come rendere felice una donna

Siete andati in gioielleria e avete adocchiato un gioiello il cui valore è un po’ proibitivo perché include una pietra preziosa? Non è detto che la gemma incastonata debba per forza valere così tanto: il metodo per capire se una pietra è davvero autentica e pura no è poi così impossibile e ve lo sveliamo passo passo.

Come riconoscere una pietre preziosa autentica

Come molti di voi sapranno, l’universo delle pietre preziose è davvero molto ampio e altrettanto affascinante e interessante, peccato che non tutti riescano a comprenderlo perché è un po’ difficile riconoscere la qualità delle pietre preziose e soprattutto il valore delle stesse.

In realtà, c’è bisogno di sviluppare e di esercitare gli occhi: per riconoscere una gemma autentica a occhio nudo, bisogna imparare a distinguere determinati fattori che caratterizzano un po’ tutte le pietre preziose e che le differenziano tra loro in base a vari elementi. Quando si tratta di gioielli con pietre, non si è mai troppo prudenti, ed è meglio effettuare il proprio acquisto in modo cosciente avendo dalla propria una piccola, ma buona, base di conoscenza poiché i malintenzionati e i venditori poco raccomandabili potrebbero facilmente raggirarvi se capiscono che non ve ne intendete e potrebbero facilmente farvi acquistare una pietra con scarse qualità a maggiore valore.

Per poter riuscire a scegliere nel modo migliore il gioiello preferito, bisogna andare armati di cultura sulle pietre preziose e aver imparato a riconoscere i fattori base necessari a distinguere una gemma di buona qualità. Poiché in questa sede non è concesso molto spazio per spiegare tutte le regole dettate dalla gemmologia sul metodo di riconoscimento di una gemma, ci limiteremo a fornire alcuni consigli utili che potranno aiutare nella scelta della gemma senza troppi problemi e, soprattutto, senza rischiare di prendere bidoni. La prima cosa da controllare in una pietra è il colore: infatti, in pratica il 50% del valore delle pietre preziose viene stabilito in base al loro colore.

La regola vuole che le pietre autentiche non debbano sfoggiare né un colore troppo chiaro né troppo scuro, ma che debbano caratterizzarsi essenzialmente per un colore armonioso ed equilibrato tra chiaro e scuro.

Cosa bisogna vedere in una pietra?

Il colore delle pietre preziose, infatti, deve presentarsi omogeneo e ben visibile da qualsiasi parte si veda la gemma; questo, però, non vale per gli opali. Da qualsiasi angolo la si veda, la pietra non deve presentare zone d’ombra o, al contrario, aree più chiare ma deve essere uniforme. Ogni pietra preziosa dovrebbe caratterizzarsi per un proprio colore ideale: ad esempio, il colore perfetto per una pietra come il peridoto dovrebbe essere il verde e la pietra dovrebbe anche presentare delle sfumature gialle chiare che la rendano più lucente. Se prendiamo una pietra preziosa molto nota come lo smeraldo, il suo colore ideale sarà particolarmente intenso e magari con venature blu o gialle.

Nel caso dello smeraldo, se il suo colore risulta troppo chiaro, il valore della pietra scenderà e sarà inferiore a quello di uno smeraldo dal colore intenso, saturo e ben definito. Lo stesso vale per un’altra gemma verde, il diopside, che per essere perfetto deve sfoggiare un colore neutro, luminoso e bello carico. In pratica, le pietre preziose che esistono in natura si distinguono tra loro per il colore.

La ricerca della gemma dal colore perfetto, però, non deve far pensare o cadere nel comune errore che bisogna ricercare solo pietre preziose dal colore ideale: acquistano particolare valore anche le pietre dal colore diverso. Prendiamo ad esempio l’ametista: l’esemplare sicuramente più popolare è quella che proviene dall’Uruguay e che rispetto ad altre, differisce per il colore viola più carico, che risulta ben definito e dai riflessi blu scuri, ma ci sono anche ametiste altrettanto preziose dal colore meno carico e dai riflessi lilla e che regalano all’esemplare una bellezza maggiore.

Questo accade perché ognuno percepisce il colore di una gemma in maniera soggettiva in base ai propri gusti personali, per cui un colore realmente ideale non esiste se non in relazione a se stessi e alle proprie preferenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *