faro

Perché visitare il Maine e l’Acadia National Park?

Se pensate di organizzare un viaggio negli Stati Uniti che non sia solo grattacieli e parchi divertimento, allora il Maine è lo stato che fa per voi.

Vi immergerete in un mondo di prati verdi infiniti, scogliere e vecchi fari, del quale non dimenticherete mai le aragoste, il foliage d’autunno, le balene al largo.

Il Maine è l’America della letteratura e dei film che avete in mente. Un paese che non vi renderà mai stanchi di ammirare l’Oceano.

Il Maine è vive prevalentemente di allevamento e pesca: qui sono leggendari i crostacei e il buon cibo.

A livello climatico vi consigliamo il sole di primavera e le spiagge in estate, i colori dell’autunno e l’avvistamento delle balene nei mesi più freddi.

IL VIAGGIO

L’aereo è la scelta più veloce e comoda per arrivare nel Maine: collegamenti giornalieri da New York e Boston per Portland per circa 200 dollari. Attenzione a non confondere la Portland del Maine (PWM) con quella dell’Oregon o vi ritroverete ritrovarvi dal lato sbagliato degli States!

L’alternativa più avventurosa è di arrivare a New York in aereo, noleggiare un’auto e percorrere 5 stati in 5 ore: New York, Connecticut, Massachussets, New Hampshire e Maine. Se invece arrivate a Boston il viaggio on the road si limiterà ad 1 ora e mezza di I-95 fianco a fianco con l’Oceano.

In questo caso la prima tappa sarà: Kennenbunkport.

Si tratta di una splendida località incastonata tra il fiume Kennenbunk e l’Oceano Atlantico, fondata nel lontano 1600 e da sempre approdo di barche e capitani. Case basse in legno e vecchi mattoni, cortesia, cibo delizioso per un’esperienza indimenticabile.

Portland e Cape Elizabeth

Costeggiate l’Oceano fino a Portland e ricordatevi di fare uno spuntino in riva al mare. Queste le tappe del vostro itinerario: Bar Harbor, Bucksport, Rockport, Rockland, Brunswick e Portland. La maggior parte sono piccole località. Ultima fermata Cape Elizabeth, dove il parco Two Lights e l’omonimo faro vi faranno rivivere un romanzo di Stephen King.

Dovunque vi fermerete il Maine rimarrà nel cuore. Qualunque sia l’itinerario ricordate che la vostra meta finale dovrà essere il Parco Nazionale di Acadia che si trova proprio all’estremità nord-orientale degli USA, al confine con il Canada, e che rappresenta una vera e propria chicca naturalistica, sebbene non sia famoso quanto il parco dello Yellowstone e dello Yosemite.

Si tratta di 47.000 ettari di parco: un intreccio di terra e mare costellato da decine di località fantastiche e scolpite nella natura. Da visitare assolutamente il faro di Bass Harbor (Head Lighthouse, all’estrema punta Sud), con una tappa gastronomica al ristorante e bar The Upper Deck (Southwest Harbor) ed un breve tour a Est per le stradine di Bar Harbor.

L’intera zona è un mix di buona tavola, fattorie, accoglienza, avventura e soprattutto tradizioni.

Una vacanza nell’Acadia National Park vi trasformerà in un pioniere di altri tempi: ogni sentiero porta alla scoperta di una terra aspra e incontaminata. Onde azzurre e impetuose si infrangono sulle rocce di granito frastagliate e sormontate da abeti rossi che spuntano dalla riva. Falchi pellegrini volano in cielo, sentieri rocciosi e strade a sterro si snodano attorno agli alberi e agli stagni dell’entroterra. Il parco offre anche tutte le attività più amate nell’outdoor: l’equitazione, la bicicletta, l’escursionismo e persino l’arrampicata su roccia.

Quando si ha bisogno di una pausa dalla natura, vi consigliamo di sostare la pittoresca cittadina di Bar Harbor, situata a nord-est del Mount Desert Island.

PRIMA DEL VIAGGIO

In generale, un cittadino di un paese straniero che desideri entrare negli Stati Uniti deve prima ottenere un visto: che sia un visto per non immigranti per un soggiorno temporaneo o un visto di immigrazione è spesso complicato riuscire a capire come muoversi per richiedere ed ottenere l’autorizzazione ad entrare negli USA.

Per quel che riguarda il visto turistico, al fine di snellire le pratiche burocratiche e facilitare l’entrata e il soggiorno negli USA a quei visitatori la cui permanenza è relativamente breve (fino a 90 giorni), il Governo degli Stati Uniti ha lanciato da alcuni anni il Visa Waiver Program (programma di esenzione del visto d’ingresso) che permette ai cittadini di un paese di viaggiare negli Stati Uniti senza il visto.

Tra i 38 paesi che beneficiano del programma VWP rientra anche l’Italia

Su questo sito application-esta.us non solo potrete richiedere online l’ESTA, l’autorizzazione al viaggio turistico, ma troverete anche un vademecum per chiarirsi le idee sui visti USA.

Image by Frank Winkler from Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *