Se pensate che in questi giorni farà freddo, leggete questo

Annunciata da giorni, sta per arrivare in Italia una corrente di freddo e gelo che farà segnare delle minimo sotto zero praticamente ovunque. Di tanto in tanto, nel nostro paese che pure ha un clima temperato, si assiste a queste improvvise ghiacciate che portano neve, gelo e condizioni di criticità in molte regioni. Talvolta assistiamo a forti nevicate fino al centro Italia, con la caratteristica neve a Roma, che si vede assai di rado. Questo weekend promette però di fare cappotto raggiungendo anche regioni tradizionalmente calde come la Campania o la Sardegna.

Ma qual è correntemente il punto più freddo del pianeta? Sappiamo che la Terra è un corpo celeste caldo. Ha un nucleo ancora liquido, per la maggior parte e uno strato atmosferico che trattiene il calore, tuttavia in molti saranno sorpresi nel constatare che il nostro pianeta oltre ad avere dei punti caldi, ha dei punti molto freddi. Con temperatura che pensavamo di trovare solo nello spazio.

La Terra è un pianeta abbastanza grande. In confronto ai pianeti gassosi è nulla, ma di fatto è il pianeta roccioso più grande del Sistema Solare. Questa sua vastità offre una vasta gamma di temperature, e può sorprendere che a differenza di quanto si pensi, le temperature più fredde si trovano a sud. Nonostante anche nella cultura popolare sia il Nord ad essere tradizionalmente più freddo. Certo, quando diciamo sud intendiamo l’emisfero australe, cioè quella porzione della sfera terrestre che sta sotto l’equatore. Se ne deduce che il continente più freddo è l’Antartide, una vasta porzione di crosta terrestre, perennemente sepolta dai ghiacci. Lo strato di ghiacci è talmente imponente che per tracciare i confini dell’Antartide abbiamo dovuto fare ricorso alle fotografie aeree e alle osservazioni satellitari che ci danno l’esatta misura delle varie grandezze nascoste sotto quell’immensa coltre bianca. Il 98% della superficie del continente antartico è ricoperta dai ghiacci. Esso è compreso interamente sotto il Circolo Polare Antartico ed è la sede del polo sud e dell’Oceano meridionale, il mare più freddo e più burrascoso del pianeta.

L’Antartide è anche la più vasta area desertica del pianeta, dal momento che ha un clima così secco che non vi piove mai. Per questo motivo e per le basse temperature, la vita umana è difficile e non ci sono installazioni permanenti. In tutto il territorio ci sono delle basi di ricerca e di osservazione civili, nelle quali risiedono annualmente più di 1000 scienziati, impegnati in vari esperimenti geologici e fisici.

Bene, ora passiamo ai dati nudi e crudi. La temperatura più bassa mai registrata sul nostro pianeta è stata proprio misurata in Antartide, nella base russa di Vostok: -53 gradi, nel 1983. È una temperatura inferiore al ghiaccio secco. La temperatura nel continente comunque non è costante. In inverno, che corrisponde alla nostra estate, essa staziona sui -40 nelle zone più interne. In estate le temperature possono essere più calde e arrivare a toccare i 15 gradi, quanto una minima in zone temperate italiane in autunno.

Come ogni zona ghiacciata il Sole però ha degli effetti devastanti. La protezione dai raggi ultravioletti è minima, e la luce riflessa dallo strato di ghiaccio rimanda nell’aria le particelle ed è facile scottarsi.

La zona abitata più fredda del pianeta è in Russia, precisamente in Siberia, in una località del nord chiamata Ojmjakon, che registra una temperatura media di meno quaranta, non dissimile quindi dalle temperature dell’Antartide. Queste temperature glaciali si devono anche all’azione della corrente polare artica.

Commenta