Moda: che stile utilizzano gli italiani?

Abbigliamento tattico Beretta

L’evoluzione della moda è molto rapida, ma soprattutto disseminata di contaminazioni che arrivano dai più disparati settori ed anche dalla strada. Il fashion non conosce confini, infatti raccoglie idee e stili da tutto il mondo. Gli italiani sono molto famosi per il lusso e l’eleganza, ma non disdegnano le contaminazioni provenienti da altri paesi. Del resto si concede agli altri di prendere spunto dagli stili del Bel Paese, perché non portare sullo stivale quelli altrui? Se si pensa alle ispirazioni la mente vola allo stile British, fondato nella City negli anni Cinquanta. Anche in questo caso si è partiti da un connubio tra paesi diversi. Lo stile elegante inglese ha abbracciato la moda dei statunitense.
Tutto è cominciato tra gli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso a Londra. Sono comparsi i Mods, acronimo della parola modernisti, che indicava coloro che erano appassionati di jazz moderno. Gli uomini vestivano giacche reverse con tre bottoni, camicie bottom-down e pantaloni senza pences. Nelle università americane erano le tipiche divise degli studenti. Mostravano raffinatezza e personalità. Si trattava in fondo di una personalizzazione volta a creare uno status symbol, un modo di vivere tra comfort e solidità. I londinesi nei loro guardaroba tenevano vestiti Principe di Galles, blazer, trench colorati, camicie bianche e mocassini scamosciati.
La sobrietà e la signorilità contraddistinguevano i capi d’abbigliamento, a cui si aggiungeva un tocco del tutto personale. L’obiettivo di esprimere il proprio modo di essere doveva essere dato da un capo o un accessorio particolare, che aiutasse a distinguersi. Una particolarità o meglio ancora una novità era l’introduzione del colore, in contrapposizione con i classici grigi degli abiti britannici.
In Italia questo tipo di vestiario era ed è definito casuale. Deriva per l’appunto dallo stile sportivo, che prevede colore e comodità. Nonostante le definizioni cambino e le mode passino, gli stili non svaniscono. Piuttosto sono l’arte e la strada ad entrare nel mondo del fashion.

Botteghe di sartoria uniscono l’Italia e l’Inghilterra. Sono molte quelle che in questi anni hanno raccolto la tradizione del Regno Unito e che nel frattempo hanno consentito a giovani stilisti italiani di stabilirsi della capitale del regno. Sebbene i Mods avessero portato un po’ più di colore, gli inglesi restano fedeli alla tradizione, al classico. A differenza degli italiani che amano osare nel creare nuovi abbinamenti con varie tonalità, con lo scopo di personalizzare la mise. L’abbigliamento deve comunicare la persona, lasciando trasparire i caratteri principali. L’innovazione fa parte del Bel Paese, senza escludere il comparto della moda. É uno degli elementi che compone le esportazioni. In Italia il colore fa parte dell’eleganza ed è certamente questa una distinzione rispetto al fashion britannico. La voglia di originalità e novità ha portato a studiare e realizzare una vera e propria evoluzione del vestiario sportivo, utilizzato anche in città e negli uffici, perché assegnano il comfort totale, senza dimenticare la ricercatezza. Le case di moda portano l’eleganza ed il casual ad essere sempre più vicini. In questo caso l’idea nasce da sport come il golf, il polo e le gare di automobili. In Inghilterra anche all’aria aperta e durante la pratica delle discipline agonistiche ci vuole signorilità.

Il marchio Beretta è pienamente riuscito ad unire questi due stili ed ha immesso sul mercato nuove creazioni. La linea lifestyle sta conquistando il mondo con un’ampia gamma di articoli che hanno sposato il comfort e la raffinatezza. Il brand è noto per la produzione di abbigliamento tattico tecnico per gli sport praticati all’aria aperta, ma negli ultimi anni ha completato l’offerta per la donna e per l’uomo entrando nella loro quotidianità. Dalle giacche ai giacconi, dalle gonne ai pantaloni, dalle camicie alle polo, passando per scarpe ed accessori. Il catalogo è decisamente ricco. La professionalità dell’azienda bresciana è data anche dalla ricerca continua sui materiali e sulle abitudini dei consumatori. La selezione dei tessuti, la creazione di modelli e la messa in commercio sono fasi seguite con cura da designer di grande valore e da personale altamente qualificato. L’obiettivo di Beretta è l’eccellenza, mentre l’opportunità di chi indossa i vestiti realizzati dall’azienda è di mostrare stile, eleganza e sicurezza. Non si rinuncia alla comodità, perché gli abiti seguono i movimenti del corpo.

Commenta