Curiosità numeriche e non solo sullo spazio

Lo spazio è l’universo che ci contiene e che ci circonda. Esso è dominato dall’oscurità più totale, anche se è illuminato da miliardi di stelle contenute in miliardi di galassie. La nostra galassia (la Via lattea) è il panorama che vediamo ogni notte nel cielo stellato. È possibile scorgere uno dei bracci della spirale da tante parti del mondo per via dell’addensamento di nubi e ammassi stellari. In pratica, tutte le stelle che vediamo a occhio nudo appartengono alla nostra galassia, mentre talvolta osserviamo altre galassie che ci appaiono indistinguibili da altre stelle. Grazie a telescopi come Hubble siamo riusciti ad andare nel campo profondo del nostro universo, raggiungendo una distanza molto prossima a quella del Big Bang, indietro nel tempo di circa 14 miliardi di anni. Ecco alcune succulente curiosità che vi sorprenderanno:

Lo spazio è silenzioso in quanto il suono non viaggia attraverso di esso, in mancanza di aria (ovvero di atmosfera). Se una persona urla nello spazio nessuno può sentirla, perché anche la più clamorosa delle esplosioni è in grado di emettere un suono. Gli astronauti comunicano attraverso le onde radio, ben protetti dai loro elmetti. Ne deduciamo che spesso le rappresentazioni cinematografiche sono sbagliate.

All’interno del sistema solare ci sono pianeti interni ed esterni, che possiamo studiare grazie all’invio di sonde e alle osservazioni con telescopi. Con le conoscenze acquisite possiamo conoscere aspetti molto particolari, come quelli relativi al pianeta Venere, una specie di palla grande quasi quanto la Terra, avvolta da nubi che creano un gigantesco effetto serra. L’atmosfera del pianeta lo rende praticamente uno dei posti più infernali dell’intero sistema solare. La tortura continua col fatto che su Venere un giorno dura quanto un anno. Il pianeta impiega più tempo a ruotare su sé stesso che a fare un giro intorno al Sole.

Anche se si tratta di un’impresa rischiosa, volare nello spazio oggi è più facile tanto che se ne occupano i consorzi privati, come SpaceX finanziato da Elon Musk  il proprietario di Tesla. Comunque, in termini puramente geografici lo spazio è vicinissimo, anche se lo usiamo per definire distanze astronomiche, appunto. Prendete una qualsiasi città che disti a 100 km da voi: questa è la distanza tra le nostre teste e lo spazio veramente detto.

Nonostante sia il pianeta più vicino al Sole, Mercurio non è il pianeta più caldo. È proprio l’infernale Venere ad esserlo, proprio a causa della concomitanza dell’effetto serra provocato dalla sua atmosfera, che in pratica in combinato disposto con la vicinanza al sole fa raggiungere la temperatura di 500° C.

A proposito del numero di stelle. In tanti hanno provato a fare una stima, ma non è così semplice. Si dice che ci siano tante stella quanti granelli di sabbia presenti sulla Terra. Ma è una cifra che secondo alcuni astrofisici andrebbe addirittura moltiplicata per 10. Il fatto è che ci sono miliardi di galassie, un numero approssimativo ci dice che sono almeno 2000 miliardi. Se pensiamo che sulla Via Lattea ci sono 200 miliardi di stelle (alcuni dicono 400 miliardi), il numero finale di stelle ha talmente tanti zeri da non riuscire a contarli.

Nel nostro sistema solare esistono due pianeti giganti, responsabili per la maggior parte della massa: Giove e Saturno. Eppure conteggiando anche il Sole, è la nostra stella a farla da padrone, essa infatti rappresenta il 99% dell’intera massa presente nel sistema. Curiosamente il Sole è una stella nana gialla di medie dimensioni, arrivata alla sua sequenza principale (a metà della sua vita, per quanto riguarda il consumo della sua massa nelle fusioni nucleari interne). Ci sono stelle incredibilmente più massicce del Sole, più larghe un miliardo di volte la circonferenza della nostra amata vicina.

Commenta