piattaforme di crowdfunding italiani

Crowdfunding italiani: perché raccogliere fondi sul web?

Oggi sono poche le possibilità che si danno alle nuove imprese o alle start up o semplicemente a dei progetti verosimilmente vincenti per poter partire e vederli realizzati: la musica però da qualche tempo è cambiata grazie all’exploit dei crowdfunding italiani.

Una raccolta fondi sui generis: il crowdfunding

Quante volte si è cercato di fare una buona impressione illustrando la propria idea di impresa o il proprio progetto a un gruppo di imprenditori o di potenziali finanziatori e quante volte ci si è sentito dire che l’idea era buona ma non abbastanza da correre il rischio di investire fondi? Purtroppo nel nostro paese tante idee che l’avrebbero reso più ricco e apprezzato, sono state invece proposte all’estero, dove hanno trovato i necessari finanziamenti per diventare qualcosa di grande e di concreto: insomma, fuga di cervelli ma anche di potenziali entrate per l’Italia. Per fortuna oggi questo problema sembra in parte risolto grazie all’introduzione e all’uso sempre più massiccio e frequente delle piattaforme di crowdfunding italiani. Iniziamo col chiarire che il crowdfunding è uno strumento che consente di avviare una vera e propria campagna di raccolta fondi sul web, finalizzata al finanziamento di un progetto o di un’idea. In pratica si tratta di una valida alternativa alla richiesta di finanziamenti presso banche o istituti di credito: sul web è possibile oggi trovare incredibili finanziatori che prima diventano fans del progetto e quindi ancora di più pronti a dare un proprio contributo economico. L’idea di finanziare il sogno di qualcun altro sembrava all’inizio improponibile: perché elargire fondi a dei perfetti sconosciuti? In realtà, gli sconosciuti si presentano agli utenti del web attraverso il proprio progetto e sono molto attivi nella sponsorizzazione e nella promozione dello stesso, potendo interagire real time con il pubblico di scettici. Le piattaforma di crowdfunding, infatti, si propongono quali vere e proprie vetrine dove ogni utente può visionare e leggere informazioni sui diversi progetti proposti, farsene un’idea, contattarne gli ideatori e magari dare il proprio sostegno. È in questo modo che si reclutano adepti: proprio come una sorta di social network, la piattaforma vuole fare da ponte e da network tra chi propone e chi dovrebbe diventare finanziatore di un sogno. Infatti, un progetto presentato sui crowdfunding italiani è un sogno che aspetta di diventare realtà e per farlo basta qualche click, cosa che qualche tempo fa non si credeva possibile.

I sogni aiutano a recuperare l’Italia: il caso Effood

È anche vero che esistono ‘sogni’, idee e progetti che è possibile sponsorizzare e promuovere anche senza per forza ricorrere alle piattaforme di crowdfunding italiani, come ha fatto l’ideatore di Effood. Che cos’è Effood? L’idea del progetto parte dalla volontà di voler portare all’antico splendore il dismesso e spopolato borgo di Cotugno, nel sud Italia, e trasformarlo di nuovo in un piccolo centro vitale. Qui si intendono far confluire giovani provenienti da nazioni diverse con lo scopo di svolgere un ruolo reale nella conservazione delle tradizioni e delle culture locali oltre che della protezione dell’ambiente e delle biodiversità. Il progetto prevede, infatti, di far svolgere l’Effood, ovvero l’European Festival of local Food a Cotugno ogni anno: grazie alla raccolta fondi online, quindi, si contribuirà a rendere nuovamente agevoli e abitabili le vecchie case rurali del paese ormai degradate e in abbandono, per trasformarle in residenze nuove pronte a ospitare i visitatori dell’evento. Ai fini del festival, si creeranno anche aree dedicate a mostre, convegni, incontri, spettacoli, laboratori senza dimenticare le zone adibite per la ristorazione con tanto di cucine mobili che consentiranno di poter preparare prodotti e pietanze locali del posto in giornata. Il recupero dell’antico borgo di Cotugno rappresenta solo il primo passo verso quel dialogo interculturale e quel rinnovamento di un’identità europea che a oggi stenta ancora a diventare realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *