Come riconoscere un franchising di successo

Il franchising non smette di conoscere fortuna. Lo dicono gli esperti, ma soprattutto le confermano le cifre. In Italia si contano non meno di 800 marchi del settore che producono almeno 25 miliardi di euro di fatturato complessivo, coinvolgendo nella rete donne, uomini, giovani per un numero superiore ai 200.000 impiegati, senza contare chi trova un lavoro vero e proprio mettendosi in proprio.

Una formula che funziona

franchising-successoNel 2016 come negli anni scorsi, il franchising rappresenta un volano per chi vuole mettersi in proprio e tirare su un’attività da zero. Il vantaggio principale del franchising sta nel fatto di poter agire con una discreta libertà pur affiliandosi a un marchio. Questo rapporto di affiliazione – che è proprio del contratto tra franchisor e franchisee – ha delle comodità inequivocabili per entrambe le parti. Ad esempio, il franchisee (colui che si affilia e apre un punto vendita) può entrare nel ricco mercato del commercio e dei servizi con entrambi i piedi ben oltre la porta, sfruttando la notorietà del marchio e le campagne di pubblicità e marketing a sostegno del marchio. Il franchisor (ovvero colui che offre il marchio, gli arredi, il know-how e la pubblicità) può espandere in modo accurato, studiato e senza reali costi aggiuntivi la sua rete vendita, imponendo il proprio marchio in altri ambiti geografici.

Questa interdipendenza però non cela un rapporto di subordinazione. L’affiliante è padrone del proprio destino imprenditoriale e dovrà sempre comunque metterci del suo, anche se la notorietà del marchio e il non spendere molto in pubblicità dovrebbero aiutarlo. La formula funziona talmente bene che ci sono casi – anche in Italia – di autentici successi imprenditoriali basati sull’acquisizione di più punti vendita.

Riconoscere il franchising di successo

Quando si sceglie il franchising pertanto bisogna fare una scelta molto ponderata, perché per l’affiliato rappresenta un investimento. La scelta non dev’essere poi scontata: una guida come quella di lavoroefranchising.com aiuta a scegliere in modo concreto tra i franchising di maggior successo. Ma l’originalità nella scelta non deve per forza portare a scelte troppo eterodosse. Un buon modo per valutare un franchising è quello di verificarne la stabilità.

Un franchising di successo è contrassegnato da due fattori: la percezione nei media oppure la lunga durata nel tempo. Un franchising appena nato può riscuotere molto successo: ma se questo è il caso è indubbio che ne parleranno le riviste di settore, si vedranno punti vendita che si espandono in poco tempo, le persone comprano quel prodotto, il marchio è conosciuto. Un buon modo per scoprirlo potrebbe essere analizzando i trend di Google. Se la gente ne parla online è possibile che questo sia un segnale di successo. Oppure un marchio si può diffondere negli anni, lentamente, ma con inesorabilità e questo dà garanzie di ampio successo. Importante è che dietro la facciata del marchio e dei numeri ci siano persone oneste, motivate, in grado di aiutare al meglio il neofita. Naturalmente anche l’affiliante deve avere le stesse garanzia: motivazioni, impegno, desiderio di appartenere a una realtà imprenditoriale di successo.

Statistiche e dati sul franchising.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *